A A A

Decadenza dei Dm nazionali sull'origine
Normative e scadenziario ^
 
02 Marzo 2020


Alla luce dell’evoluzione normativa di questi mesi sull’indicazione dell’origine in etichetta e delle iniziative legislative nazionali, si ritiene utile fornire una breve descrizione sullo stato dell’arte in relazione all’entrata in vigore del Reg. UE 775/18.
 
E’ utile ricordare che i provvedimenti nazionali sull’origine riguardano:
  • Pasta;
  • Riso;
  • Concentrato e passata di pomodoro;
  • Latte e derivati;
  • Carne suina usata come ingrediente (notificato alla Commissione europea il 31 gennaio e non ancora pubblicato in G.U.)
 
Il decreto sul latte e quello sulla carne suina sono gli unici ad esser stati correttamente notificati alla Commissione UE.
 
I decreti nazionali sono stati emanati in attesa che la Commissione Europea stabilisse le regole dell’indicazione dell’origine dell’ingrediente primario, come previsto dall’art. 26.3 del Reg. UE 1169/11.
 
La Commissione ha adempiuto a questo compito emanando il Reg. UE 775/18 che entrerà in vigore il 1 aprile 2020.
 
Di conseguenza tutti i decreti italiani sull’origine, compreso quello del riso decadranno in quella data.
 
Il Reg, 775/18 non si applica ai prodotti DOP IGP e ai prodotti a marchio (ad esempio Divella, Barilla, Mutti ecc.).
Per quest’ultimi è stabilita nello stesso regolamento l’emanazione di un regolamento specifico nei prossimi anni.
 
Il Reg. UE 775/18 si applica solo nel caso in etichetta sia indicata con simboli, loghi, figure, dizioni, un’origine del prodotto diversa da quella del suo ingrediente principale.
 
I Decreti italiani si applicano invece a tutti i prodotti, indipendentemente siano a marchio o se sia vantata un’origine con simboli, loghi, figure, dizioni, un’origine del prodotto diversa da quella del suo ingrediente principale.
 
Conclusioni
 
  • I DM italiani hanno un’applicazione più ampia che non trova ancora una risposta legislativa da parte della Commissione;
  • I DM italiani non entrano in conflitto con la nuova norma europea essendo la loro applicazione più estesa della normativa europea.
 
E’ auspicabile che i DM italiani siano ripresentati alla Commissione per farli approvare, nel rispetto dei criteri di notifica di cui all’art. 45 e a norma dell’articolo 39 del regolamento UE 1169/11, avendo l’accortezza di aggiornarli alla normativa in vigore.





precedente: Nuovo regime fitosanitario
successivo: Focus sui controlli funzionali per le attrezzature da prodotti fitosanitari


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]