A A A

Nuovi voucher, l'Inps ripensa ai criteri per la determinazione dei compensi
Normative e scadenziario ^
 
24 Luglio 2017


L’INPS, con messaggio n. 2887 del 12/7/2017 è tornato sulla disciplina del lavoro occasionale in agricoltura per modificare i criteri utilizzati originariamente per la determinazione del compenso minimo orario.
Per i lavoratori del settore, la retribuzione oraria minima era stata fissata sulla base di quella prevista dal CCNL stipulato dalle associazioni di categoria più rappresentative sul piano nazionale; tali importi erano stati individuati nei minimi salariali di area degli operai florovivaisti anziché in quelli degli operai agricoli, molto più rappresentativi della forza lavoro del settore.
L’Istituto ha perciò precisato che la misura minima del compenso orario per il lavoro occasionale in agricoltura è ricavata con riferimento ai minimi nazionali fissati per gli operai agricoli dal vigente CCNL.
Gli importi sono stati rideterminati nelle seguenti misure:
 
  • Euro 9,65 orari per la 1^ Area - Minimo giornaliero per prestazioni non superiori a 4 ore di lavoro Euro 38,60
  • Euro 8,80 orari per la 2^ Area - Minimo giornaliero per prestazioni non superiori a 4 ore di lavoro Euro 35,20
  • Euro 6,56 orari per la 3^ Area - Minimo giornaliero per prestazioni non superiori a 4 ore di lavoro Euro 26,24
 
Le parti possono naturalmente determinare compensi superiori, ma non inferiori a questi minimali (orari e giornalieri).
 
 



Confagricoltura Mantova, Contratti di lavoro, INPS, Uffici Confagricoltura Mantova



precedente: Modello IV informatizzato, ci siamo
successivo: Contratto di prestazione occasionale, ecco tutte le novità


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]