A A A

Mipaaf: finanziamenti per lo sviluppo del commercio elettronico
Normative e scadenziario ^
 
15 Novembre 2016


È stata pubblicata dal Ministero per le politiche agricole la circolare illustrativa delle modalità di presentazione delle domande per l’attribuzione del credito d’imposta dedicato alla realizzazione e all’ampliamento di infrastrutture informatiche, finalizzate esclusivamente all’avvio e allo sviluppo del commercio elettronico. Il decreto stabilisce gli investimenti agevolabili, le soglie massime di spesa eleggibile e la relativa misura dell’agevolazione, nonché i criteri di verifica e accertamento dell’effettività delle spese sostenute. Possono presentare domanda piccole e medie imprese (Pmi) e imprese diverse dalle Pmi (denominate Gi) attive nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura, oppure Pmi attive nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura.

Le spese ammissibili sono relative a dotazioni tecnologiche, software, progettazione e implementazione, sviluppo dei database e dei sistemi di sicurezza. Sono ammissibili alle agevolazioni soltanto le spese sostenute per i nuovi investimenti, realizzate per il periodo di imposta che va dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016. Come presentare le domande? È sufficiente rivolgersi alla Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica, nel periodo compreso tra il 20 e il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di realizzazione degli investimenti.

A quanto ammontano i finanziamenti? 50% di intensità di aiuto nel limite di 50.000 euro per le Pmi operanti nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, 40% di intensità di aiuto nel limite di 50.000 euro (200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari) per Pmi e Gi operanti nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, 40% di intensità di aiuto nel limite di 15.000 euro (nell’arco di tre esercizi finanziari) per Pmi e Gi operanti nella produzione di prodotti agricoli, 40% di intensità di aiuto nel limite di 30.000 euro (nell’arco di tre esercizi finanziari) per Pmi e Gi operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, 20% di intensità di aiuto per le piccole imprese e 10% per le medie, nel limite di 50.000 euro, per le Pmi operanti nella trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura. In caso di esito positivo della domanda di finanziamento, il Mipaaf comunicherà all’impresa il riconoscimento, che verrà pubblicato sul sito www.politicheagricole.it nelle sezioni “Politiche nazionali” e “Amministrazione trasparente”




Finanziamenti ed aiuti, Ministro dell'Agricoltura



precedente: Credito d'imposta per l'amianto: 17 milioni di euro a disposizione
successivo: Spandimento effluenti: da lunedì 31 ottobre al via il nuovo bollettino nitrati


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]