COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Cancro batterico del kiwi: vietati i nuovi impianti nel 2012
News e comunicati ^
 
15 Dicembre 2011


Si è tenuto a Roverbella un incontro tecnico organizzato da ERSAF, in cui è stata trattata la problematica legata alla diffusione negli ultimi anni di Pseudomonas syryngae pv. Actinidiae, il batterio che sta provocando gravi danni alle piantagioni di kiwi in tutto il mondo.

Dopo un approfondita discussione sui sintomi, la lotta e le conseguenze della malattia, il tecnico di ERSAF, Marco Avanzi, ha annunciato la recente scelta di Regione Lombardia di vietare i nuovi impianti di kiwi fino al 31 dicembre 2012.
Il territorio lombardo non è ancora stato invaso dal batterio e i controlli effettuati dal Servizio fitosanitario nel 2010 su circa 100 ettari dei più di 400 coltivati a Mantova non ne hanno individuato la presenza. Proprio per questo motivo si è resa necessaria un’azione di prevenzione importante che ritardi e riduca i rischi di contagio.
“E’ una soluzione temporanea” ha precisato Avanzi, “al fine di prevenire la diffusione del cancro batterico dell’actinidia fino a quando non si troverà una soluzione per debellare questa malattia che sta provocando in altre Regioni italiane l’espianto di centinaia di ettari di piante.

L’incontro è terminato con l’appello ai frutticoltori di avvertire immediatamente i tecnici del Servizio Fitosanitario nel caso siano individuati dei sintomi che possano ricondurre alla batteriosi. Per ulteriori informazioni contattare l’ufficio tecnico di Confagricoltura Mantova (0376/330733).



Cancro batterico del kiwi, Kiwi



precedente: Confagricoltura: «La timida ripresa dell’export non compensa l’annata peggiore dal 2006».
successivo: Grana Padano e Parmigiano Reggiano, un 2011 da record. «Ma per il futuro occorre fare squadra per governare il mercato»


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]