COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Cibus 2021: Confagricoltura Mantova protagonista della fiera internazionale dedicata all'agroalimentare
News e comunicati ^
 
06 Settembre 2021


 
Grande successo, all’interno della Fiera di Parma, per l’edizione 2021 di Cibus, la fiera internazionale dedicata al settore agroalimentare. Tra le protagoniste principali anche tante realtà associate a Confagricoltura Mantova che, ospiti dello stand nazionale di Confagricoltura al Padiglione 5, hanno avuto l’opportunità di mettersi in mostra e farsi conoscere. Le aziende coinvolte sono state Orticoltura Gandini, Op Guidizzolo con Sempre Fresco, Consorzio Melone Mantovano Igp, Opas con il marchio Eat Pink e MantoGrano. E queste ultime hanno fin da subito recitato un ruolo decisamente importante, dal momento che il primo evento nel giorno inaugurale è stato tutto dedicato a loro: durante la mattinata di martedì 31 agosto infatti sono stati presentati al pubblico particolarità e peculiarità di ogni materia prima mentre, a partire dalle ore 13, è stato possibile degustare ogni prodotto. Ecco allora che i pomodorini e il basilico prodotti con metodo idroponico da Orticoltura Gandini e Sempre Fresco, del distretto di Guidizzolo, hanno accompagnato deliziose orecchiette, mentre il pulled pork cotto a bassa temperatura di Eat Pink, marchio di Opas, ha raccolto consensi unanimi tra i commensali. Il tutto accompagnato con pane e schiacciatine MantoGrano, l’unica filiera al 100% Made in Mantova, e seguito da un fresco break a base di melone mantovano Igp delle zone di Sermide, Rodigo e Viadana. «Giornata molto importante per i nostri associati – ha detto Daniele Sfulcini, direttore di Confagricoltura Mantova – che hanno potuto presentare il frutto del loro lavoro quotidiano e godere della visibilità che una fiera di portata internazionale come Cibus può garantire. Siamo molto soddisfatti».

Altra giornata ricca di soddisfazioni per i produttori di Confagricoltura Mantova a Cibus 2021 è stata quella di giovedì 2 settembre, durante la quale ancora una volta hanno potuto mettere in mostra, e soprattutto far assaggiare, tutte le potenzialità delle proprie materie prime. La mattinata si è aperta all’insegna del Melone Mantovano Igp, che ha accompagnato una gustosissima sfida tra prosciutti crudi, di Parma e dei Nebrodi: «Le radici del melone affondano del passato – ha spiegato Francesca Nadalini, produttrice e rappresentante del Consorzio Melone Mantovano Igp – se ne trova traccia infatti sin dal 1400. Oggi la qualità del nostro prodotto ha raggiunto standard elevatissimi, in un distretto che, tra Rodigo, Viadana e Sermide, conta su un migliaio di ettari e oltre 10.000 tonnellate di meloni raccolti ogni anno». E dopo il melone è toccato alle carni suine prendersi la scena. Opas, con il suo marchio Eat Pink, ha portato a Cibus una linea di prodotti che spaziano dalle costine al filetto, passando per il pulled pork. A ora di pranzo dunque ecco la presentazione dei vari tagli e la degustazione per il pubblico: «La linea Eat Pink – ha spiegato Veronica Milani di Opas – è perfetta per preparare prelibatezze in poco tempo. Si tratta infatti di prodotti cotti a bassa temperatura e messi sottovuoto, solamente da riscaldare per 2-3 minuti. Il risultato è una carne tenera e gustosa, al 100% italiana, sana e con significative qualità nutrizionali, di cui si conosce l’origine attraverso una trasparente tracciabilità di filiera e che garantisce i dettami di benessere animale». Presenti in fiera anche altre due realtà associate a Confagricoltura Mantova: Le Tamerici di Bagnolo San Vito, con le sue mostarde, e la cantina Oinoe di Traversetolo.





precedente: Rese, qualità e prezzo: la campagna mais 2021 sorride ai produttori mantovani
successivo: Melone mantovano e carni suine protagonisti a Cibus 2021


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]