COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Riforma Pac: l'accordo tra i ministri Ue รจ il primo passo
News e comunicati ^
 
23 Ottobre 2020


 
Importante passo avanti nell’ottica della nuova riforma della Pac: pochi giorni fa infatti il Consiglio Agricoltura e Pesca della Ue ha trovato l’intesa per un approccio condiviso sulla futura Politica Agricola Comune. Un accordo, quello tra i ministri dei paesi Ue, dal quale partire ora per le successive trattative: «Siamo soddisfatti – ha detto il presidente di Confagricoltura Mantova, Alberto Cortesi – anche se, dobbiamo ricordarlo, la strada verso la quadratura finale è ancora lunga e incerta. Per noi l’obiettivo è uno soltanto, vale a dire assicurare che la maggiore sostenibilità ambientale risulti compatibile con la salvaguardia della sostenibilità economica delle nostre aziende agricole, in un quadro complessivo di semplificazione burocratica». Con le proposte attualmente sul tavolo infatti, si dovrà dedicare almeno il 30% dei fondi dei pagamenti diretti alle misure green, e aumenteranno al 35% invece le spese dello sviluppo rurale per le misure agroambientali, con soglia minima del 30% per gli investimenti sostenibili. Il pacchetto di riforme prevede anche proposte per migliorare le misure in materia di rispetto del clima e dell’ambiente, obbligatoria per ricevere sostegno diretto. Tra i punti sotto osservazione anche il cosiddetto “capping”, ovvero la riduzione dei pagamenti alle aziende più grosse in favore di quelle più piccole e dei giovani agricoltori.

Ad essere chiamato al voto è ora il Parlamento Europeo. Successivamente, gli eurodeputati potranno dare via ai negoziati sul pacchetto di riforma. «Sarà fondamentale – ha aggiunto Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia – che lo Stato definisca una modalità per l’attuazione del Green Deal. Essa dovrà basarsi sull’innovazione, per far coniugare esigenze ambientali e redditività delle aziende. Un primo passo importante dunque sarebbe quello di inserire nelle misure agroambientali proprio gli investimenti sull’innovazione, per non caricare le aziende di ulteriori costi». Ricordiamo che le attuali regole della Pac, in scadenza il 31 dicembre di quest’anno, saranno sostituite dalle norme transitorie (di prossima applicazione), in vigore fino al 2022. La nuova Pac scatterà dunque nel 2022, entrando nel suo 60° anno di vita, essendo stata introdotta per la prima volta nel 1962.





precedente: Nasce ufficialmente l'associazione di razza Fris.Ital.I
successivo: Massimiliano Giansanti confermato per acclamazione alla guida di Confagricoltura


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]