COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Confagricoltura: presentata "La Carta del Mulino" di Barilla
News e comunicati ^
 
13 Settembre 2019


La sala convegni di Confagricoltura Mantova ha ospitato la presentazione de “La Carta del Mulino”, la filiera sostenibile che il Gruppo Barilla ha definito in collaborazione con WWF Italia, Università di Bologna, Università della Tuscia e Open Fields. L’obiettivo dell’azienda, tramite il marchio Mulino Bianco, è quello di ottenere nei prossimi anni circa 360.000 tonnellate di grano tenero provenienti da coltivazioni sostenibili, operazione che a regime coinvolgerà più di 5.000 produttori, in linea con la missione “Buono per te, buono per il pianeta”: «Sostenibilità, contratti di filiera, riduzione consumi idrici ed emissioni di CO2 sono valori ben radicati in questo progetto – ha detto Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – e sono felice che il settore cerealicolo abbia un’opportunità di questo tipo. Tali idee e prospettive troveranno sempre terreno fertile in Confagricoltura». Per Barilla erano presenti il responsabile acquisti grano tenero di Mulino Bianco Giuseppe Mora e l’agronomo Orlando Visciano, mentre per WWF Italia è intervenuto il responsabile agricolo Franco Ferroni. Presente anche Marco Gorni Silvestrini, dell’Op Nazionale Italia Cereali, che sta curando la logistica del ritiro e dello stoccaggio del grano tramite cinque centri di raccolta in provincia di Mantova. I tecnici hanno illustrato ai presenti il decalogo di regole da rispettare per aderire alla filiera. Dall’obbligo di adottare un determinato piano di rotazione colturale a quello di destinare una parte dell’area seminata (il 3% della S.a.u. di grano sostenibile) alla coltivazione di aree fiorite in grado di attrarre insetti benevoli, utili per la lotta ai parassiti, fino ad arrivare al divieto di utilizzo di semente conciata con neonicotinoidi e di glifosate dalla presemina (60 giorni prima della semina) al raccolto. «A chi sceglierà di aderire – prosegue Cortesi – verrà garantita naturalmente una premialità aggiuntiva rispetto al normale prezzo del grano, in grado di coprire i costi di produzione e di lasciare un margine concreto in tasca ai produttori. La sostenibilità ambientale deve andare di pari passo con quella economica, e questa è un’altra caratteristica vincente di questo progetto».





precedente: Lutto in Confagricoltura: addio a Fabrizio Ditella
successivo: L' Agricoltura Mantovana n° 17 del 9 settembre 2019


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]