COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Intervista al presidente Alberto Cortesi
News e comunicati ^
 
05 Aprile 2019


Il presidente Alberto Cortesi
Il presidente Alberto Cortesi
Quella del prossimo 11 aprile sarà la prima assemblea in veste di presidente per Alberto Cortesi, che dà uno sguardo complessivo a questi suoi primi mesi alla guida di Confagricoltura Mantova.
Che organizzazione ha trovato e quali sono, se ci sono stati, i principali cambiamenti che ha apportato?
L’obiettivo che mi sono posto è quello di adeguarmi sempre ai cambiamenti e a ciò che i nostri associati chiedono e chiederanno in futuro. Provo grande soddisfazione ed orgoglio nell’essere alla guida di Confagricoltura Mantova, la sfida è quella di migliorare ogni giorno.
L’annata agraria 2018 è andata in archivio con un bilancio altalenante. Quali sono stati i settori più virtuosi?
Abbiamo avuto buoni risultati dal settore lattiero-caseario, dove il lavoro di programmazione messo in atto dai due consorzi in passato ha portato a risultati importanti. Qui, come in altri settori, è fondamentale mettere in cantiere investimenti sul lungo periodo, non interventi tampone.
Quali, invece, quelli che hanno sofferto di più?
Indubbiamente il settore cerealicolo è stato, ed è tuttora, in affanno. La sua sopravvivenza non può passare che da programmazione a lungo termine, adeguato sostegno economico e sviluppo di filiere.
Una delle parole chiave del suo mandato è stata, fin da subito, “sostenibilità”, declinata in chiave ambientale ed economica. Come si fa a raggiungere la sostenibilità?
Si tratta di un termine interessante, ma profondamente ambiguo. Se manca la sostenibilità economica in primis tutto il resto vale niente, ma è fondamentale anche quella ambientale, un tema che ci vede molto coinvolti. Per noi la sfida è di tipo comunicativo, per smentire dati ed informazioni spesso non veritieri, e tecnologica, per implementare tecniche di riduzione delle emissioni. In questo però ci serve l’aiuto della politica che, tramite Pac e Psr, non può non fare scelte coraggiose.
All’orizzonte, dal prossimo 2021, c’è una riforma Pac che minaccia di essere fortemente penalizzante per l’Italia. Quali sono le strategie che la nostra agricoltura dovrà adottare per sopravvivere?
Nessuno può fare agricoltura in Europa senza la Pac. Detto ciò, dall’ultima riforma sono scesi del 30% i contributi per la provincia di Mantova, un territorio che crea lavoro in maniera sostenibile. Chiederemo che la nuova revisione non ci penalizzi ulteriormente, in favore di altre agricolture più estensive e meno produttive.
A livello sindacale Confagricoltura Mantova non ha mai avuto paura di far sentire la propria voce. Quali saranno le prossime battaglie da portare avanti?
Abbiamo fatto tanto, dalla questione Ogm allo spandimento fanghi, dalla chiusura della vicenda “Fondo Latte” alla questione autostrada Mantova-Cremona, ma tanto ancora c’è da fare. Lavoreremo affinchè flagelli come le nutrie possano essere definitivamente eradicate. A livello più ampio la sfida sarà far sì che la politica, sia comunitaria che nazionale, appoggi finalmente le tecnologie Ogm e Crispr, per una battaglia ad armi pari con altri paesi. Importantissima anche la questione nitrati, che va rivista del tutto.
Un ruolo chiave lo riveste anche la formazione. Quanto conta questo aspetto nella vita dell’associazione?
È fondamentale. Abbiamo organizzato momenti di formazione e informazione per gli associati, penso ai convegni su circolazione stradale delle macchine agricole, benessere animale, ricetta elettronica, maiscoltura e cimice asiatica, e ne organizzeremo presto altri per i nostri dipendenti, risorsa per noi preziosissima.
Confagricoltura Mantova da sempre punta su tecnologia e innovazione, e un traguardo importante in questo senso è stato il Food&Science Festival, quest’anno in programma dal 17 al 19 maggio. Cosa ci dobbiamo aspettare da questa edizione?
Il Food&Science è la nostra carta d’identità, per ciò che siamo e per ciò che vorremmo fosse l’agricoltura. È lo strumento per comunicare a tutti i nostri valori e la nostra maniera di intendere la produzione di cibo, all’insegna di ricerca ed innovazione.





precedente: I vini di Confagricoltura Mantova protagonisti a Vinitaly 2019
successivo: Anga: secondo incontro con Timac Agro Italia


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]