COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Finanziaria 2019: le principali novità per il settore agricolo
News e comunicati ^
 
20 Gennaio 2019


Con l’inizio dell’anno è stata ufficialmente approvata la nuova legge Finanziaria 2019. Di seguito una prima analisi delle principali misure riguardanti il settore dell’agroalimentare, con la premessa che un quadro più completo e specifico potrà essere tracciato soltanto dopo che i diversi provvedimenti legislativi e amministrativi verranno adottati. Permane in ogni caso la sensazione che il settore non sia stato più di tanto oggetto di provvedimenti risolutivi. Nel settore dell’agricoltura gli interventi hanno interessato in prevalenza i comparti del lavoro e della previdenza, attraverso misure che consentiranno, da un lato, un taglio dei costi sui premi assicurativi per gli infortuni alle imprese e, dall’altro, di prevedere un aggravio dell’apparato sanzionatorio per contrastare il lavoro sommerso e irregolare e per favorire la sicurezza nei luoghi di lavoro.
In questo contesto è assolutamente apprezzabile la misura che introduce l’assunzione agevolata per i cittadini che hanno conseguito, o lo faranno, una laurea con votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110 entro la durata legale del corso di studi.
Degna di nota poi è la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà, che contempla tra i primi effetti rilevanti la sospensione dell’avvio di procedure cautelari. Nel contempo, sarà possibile il rilascio del DURC ed il debitore non sarà considerato inadempiente ai fini della compensazione dei pagamenti da parte di pubbliche amministrazioni.
Sul piano fiscale non si è assistito a particolari interventi, se non a misure volte a chiarire alcune disposizioni di legge. Ad esempio quella che consente l’equiparazione dei coadiuvanti al titolare dell’impresa agricola, superando così le difficoltà interpretative riscontrate in sede di applicazione dell’IMU o di acquisto di terreni agricoli e rafforzando il concetto di unitarietà dell’impresa, anche sul piano soggettivo.
Meritano di essere evidenziate due novità di rilievo. Da un lato i tartufi freschi, da prodotti di lusso sono divenuti generi di prima necessità (almeno ai sensi dell’Iva), nonché prodotti agricoli ai quali potrà essere applicato il regime speciale. E dall’altro, sempre in tema di Iva agricola, va segnalato l’inserimento dell’articolo 34, che prevede l’esonero degli adempimenti Iva a favore dei raccoglitori occasionali dei “prodotti non legnosi” e dei raccoglitori occasionali di piante officinali spontanee, che nell’anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari non superiore a 7.000 euro.
Sono invece mancati in legge di bilancio significativi interventi di natura strutturale, volti ad allargare la maglia poderale delle aziende agricole, che rispetto a quella di altri paesi è decisamente ristretta. Assenti anche incentivi per investimenti innovativi e tecnologici per l’aumento della competitività sui mercati. Aggiunta flessibilità invece alla disciplina della vendita diretta dei prodotti agricoli.
Per quanto riguarda i temi ambientali, apprezzabile la misura volta ad incentivare la realizzazione di piccoli impianti di produzione elettrica alimentati a biogas realizzati da imprenditori agricoli. Si manifestano forti riserve invece sui vincoli amministrativi/agronomici che sono stati introdotti per l’accesso agli incentivi, con rischio di penalizzazione per le aziende agricole.
Le ultime misure riguardano l’introduzione del Catasto Frutticolo Nazionale, che sarà chiamato a censire a livello aziendale le superfici destinate a ortofrutta.
L’augurio di Confagricoltura Mantova è che la nuova legge di bilancio serva effettivamente a cambiare il sistema agricolo, per una più ordinata crescita economica ed aziendale, e non si riveli soltanto uno specchietto per non perdere voti e consensi.




Confagricoltura Mantova



precedente: Confagricoltura Mantova fa il pieno a Bovimac 2019
successivo: Prezzi rilevati in Borsa Merci del 17 gennaio 2019


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]