COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Fanghi, la replica di Confagricoltura Mantova a Zolezzi
News e comunicati ^
 
07 Gennaio 2019


Il presidente Alberto Cortesi
Il presidente Alberto Cortesi
«Sulla questione relativa allo spandimento di fanghi e gessi di defecazione ribadiamo la nostra piena disponibilità al dialogo e al confronto con le amministrazioni comunali interessate, data la complessità della materia e la non facile interpretazione dei regolamenti già esistenti, che a nostro parere dovrebbero essere gli unici ai quali fare riferimento». Queste le parole del presidente di Confagricoltura Mantova Alberto Cortesi, che risponde anche alle critiche mosse dal deputato del Movimento 5 Stelle Alberto Zolezzi: «Zolezzi rivendica la completa autonomia degli enti locali sul tema – prosegue Cortesi – ma se su un argomento come questo non esprimono la propria opinione le associazioni di categoria o l’Ordine degli agronomi, mi chiedo davvero chi debba farlo». Quanto ai gessi, Confagricoltura Mantova chiarisce ulteriormente la propria posizione: «Il nostro intento – ribadisce Cortesi – è soltanto quello di fare chiarezza una volta per tutte sulla differenza tra fanghi da depurazione e gessi di defecazione, dato che né gli enti locali né l’opinione pubblica paiono essere informati a dovere sulla cosa. Concordiamo dunque con Zolezzi nel dire che non vanno assolutamente sottovalutati». Confagricoltura Mantova dunque ribadisce «la necessità di un regolamento regionale che comprenda tutto il bacino padano. Bisogna sanzionare chi commette irregolarità, ma in base alle direttive già presenti, senza l’introduzione di altri artificiosi regolamenti. Per quanto riguarda il divieto di spandimento fanghi nelle aree ad alta densità zootecnica ad esempio, dove i liquami sono sufficienti per la concimazione del terreno, siamo pienamente in linea con quanto deciso dalla Regione». Cortesi poi chiede maggiore rispetto per il settore primario: «Basta con le accuse esclusivamente rivolte agli imprenditori agricoli che, lo ripetiamo ancora, sono soltanto gli utilizzatori finali di fanghi e gessi. È in atto una vera e propria caccia alle streghe contro un settore che negli ultimi anni ha investito notevolmente in tecnologia e sicurezza ambientale. I nostri allevatori oggi rispettano le regole esistenti, inserirne di nuove vorrebbe dire costringerli a nuove modifiche».




Confagricoltura Mantova, Cortesi Alberto, presidnete sez economica latte



precedente: Aviaria: varate le misure eccezionali
successivo: Fauna selvatica, il commento di Confagricoltura Mantova


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]