COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Psr: dopo due anni riapre il bando per gli investimenti in azienda
News e comunicati ^
 
16 Novembre 2018


La sede di Regione Lombardia a Milano
La sede di Regione Lombardia a Milano
Dopo due anni di attesa, la Regione Lombardia ha finalmente presentato il nuovo bando Psr relativo all’Operazione 4.1.01, sugli “Incentivi per investimenti per la redditività, competitività e sostenibilità delle aziende agricole”, che dovrebbe entrare in vigore a partire dal prossimo 23 novembre. L’obiettivo primario è quello di stimolare la competitività dell’intero settore primario: «Una misura – spiega il presidente di Confagricoltura Mantova Matteo Lasagna – attesa da lungo tempo nella nostra provincia, che solitamente da sola calamita il 30% delle risorse. Il nuovo bando consentirà alle nostre aziende di poter investire in innovazione e tecnologia, elementi che da sempre sono prioritari per noi». Il bando prevede una dotazione complessiva di 60 milioni di euro, con spesa minima ammissibile pari a 50mila euro e spesa massima pari a 3 milioni di euro. Le domande di contributo potranno essere presentate entro le ore 12 del 31 marzo 2019. Ma quali saranno gli interventi finanziabili? In primo luogo le opere di miglioramento fondiario di natura straordinaria, come la nuova costruzione, la ristrutturazione, il restauro o il risanamento dei fabbricati rurali, o di nuove serre e tunnel. Poi l’impianto e/o il reimpianto di colture arboree specializzate; l’adeguamento impiantistico, igienico sanitario e per la sicurezza dei lavoratori; l’acquisto e/o realizzazione di impianti e dotazioni fisse per la lavorazione dei prodotti aziendali, la trasformazione e commercializzazione degli stessi, la movimentazione e il trattamento degli effluenti di allevamento e il miglioramento dell’efficienza energetica; l’acquisto di nuove macchine o attrezzature; la realizzazione di strutture per la protezione delle colture dai parassiti; l’acquisto di capannine agrometeorologiche aziendali; la realizzazione o l’acquisto di strumenti per la riduzione degli inquinamenti puntiformi da prodotti fitosanitari; l’acquisto di apparecchiature informatiche. «Permangono però – conclude Lasagna – seri problemi burocratici, che rallentano e appesantiscono queste operazioni da parte degli imprenditori. Non è possibile infatti che, nel 2018, siano necessari ancora chili di carte per svolgere questi adempimenti, sia in fase di presentazione delle domande che in fase di rendicontazione finale. Nell’era della presunta digitalizzazione chiediamo velocità e puntualità, per favorire chi ogni giorno lavora e crea reddito sul territorio». Gli uffici di Confagricoltura Mantova sono completamente disponibili per l’assistenza ai soci, sia in fase di consulenza che in fase di presentazione delle domande.   




Confagricoltura Mantova, Lasagna Matteo Presidente Confagricoltura Mantova, PSR, PSR 2014 - 2020, Regione Lombardia



precedente: Italia-Israele: appuntamento a Mantova il 21 novembre
successivo: Italia e Israele si incontrano


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]