COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Confagricoltura in campo: frutti e ortaggi esotici a Guidizzolo
News e comunicati ^
 
07 Agosto 2018


Omar Farouk nelle sue serre a Guidizzolo
Omar Farouk nelle sue serre a Guidizzolo
Dai più disparati lavori alla gestione di un’azienda agricola strutturata a Guidizzolo, con numerosi dipendenti e un fatturato che supera i 120.000 euro annuali. La storia di Omar Farouk è davvero tutta da raccontare, ed è una storia che inizia come tante altre, con un viaggio dal Bangladesh, suo paese d’origine, all’Italia. Il motivo? Lavoro e speranza, alla ricerca di una vita migliore. Originario di Comilla, Omar è titolare di una delle numerose (sono circa 21) aziende agricole gestite da stranieri nel territorio di Guidizzolo. Arrivato in Italia nel 2000, poco più che diciottenne, un diploma in tasca e nessuna paura di affrontare questo grande salto, Farouk ha iniziato con lavori come saldatore, magazziniere e operaio. Per due mesi poi ha lavorato in un’azienda agricola, e lì è scattata la scintilla: «Le mie origini – spiega – non hanno nulla a che vedere con l’agricoltura. Mio padre, ora in pensione, faceva il poliziotto, ma ho visto diversi amici che lavoravano nel settore e ho deciso di buttarmi». Risparmi investiti e lavoro imparato da solo, un po’ alla volta. Tutti sforzi che hanno pagato: «Sono partito con sei biolche e lentamente sono cresciuto, allargandomi. All’inizio non è stato facile, faticavo ad ingranare. Ho tenuto duro però, e ora sono più che soddisfatto». Dal 2009 dunque Omar Farouk è entrato nel mondo dell’orti e frutticoltura, con i primi terreni a Guidizzolo. Dal 2010, anno di ingresso in Confagricoltura Mantova, si è allargato anche a Rebecco e ad Asola, dove le sue serre producono a pieno ritmo frutti e ortaggi decisamente particolari. Sì perché Omar coltiva prodotti esotici, con più di quindici varietà davvero inusuali a queste latitudini. Si va dall’okra alla karella, fino ai peperoncini e alle melanzane bianche africane, senza dimenticare gli spinaci indiani e il coriandolo. Il fatturato è decisamente buono (circa 120mila euro all’anno), ma deriva quasi interamente dalla vendita sul mercato di Milano: «A Mantova vendo poco o nulla, io mi rivolgo perlopiù al mercato di Milano, per i ristoranti etnici. Molti prodotti partono anche verso Germania e Gran Bretagna, dove sono molto diffusi, ma abbiamo avuto qualche problema con i pagamenti lo scorso anno».




Confagricoltura Mantova, Ortofutta



precedente: Prezzi rilevati in Borsa Merci del 09 agosto 2018
successivo: Prezzi rilevati in Borsa Merci del 2 agosto 2018


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]