COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Glifosate autorizzato per altri cinque anni
News e comunicati ^
 
28 Novembre 2017


Dopo mesi di tira e molla e di continui rinvii, la Commissione Europea si è finalmente pronunciata sulla questione glifosate. Con 18 voti a favore, 9 contrari (tra cui quello dell’Italia, ferma sul “no” assieme a Francia, Belgio, Grecia, Ungheria, Cipro, Malta, Lussemburgo e Lettonia) e un astenuto, gli stati membri hanno approvato l’utilizzo del noto erbicida per altri cinque anni. Gli equilibri della votazione sono stati spostati dalla Germania, che finora si era sempre astenuta facendo mancare di fatto la maggioranza qualificata pro o contro la proposta della Commissione. Questa volta i rappresentanti tedeschi si sono espressi a favore della proroga, rendendo valido il voto.
 
«Accogliamo con soddisfazione la decisione presa dal comitato di appello dei paesi Ue – spiega Massimiliano Giansanti, presidente nazionale di Confagricoltura – dato che l’alternativa era l’eliminazione immediata del glifosate. Dopo il gran battage mediatico fatto in questi mesi qualcuno ha capito che questa sostanza non è dannosa per l’uomo. La scienza ha prevalso, con i pareri forniti da Efsa ed Echa che sono stati tenuti giustamente in conto». Il glifosate infatti è utilizzato nelle tecniche di agricoltura conservativa come semina diretta e minima lavorazione, perché apporta benefici quali la riduzione delle emissioni di CO2, una minore erosione del terreno, un maggior contenuto di sostanza organica e trattiene inoltre maggiormente l’acqua nel suolo, aumentando le capacità di stoccaggio del carbonio: «È doveroso ricordare – aggiunge Matteo Lasagna, presidente di Confagricoltura Mantova – che in Lombardia sono già vigenti forti limiti riguardanti il glifosate, che non viene utilizzato nella fase  di pre-raccolta,  ma soltanto in quella di preparazione del terreno per la semina».
 
«La decisione presa oggi a Bruxelles – conclude Giansanti – evita di far perdere competitività alle nostre imprese agricole, in relazione alla diminuzione delle rese e all’aumento dei costi di gestione. È prioritario ora prendere definitivamente atto di questa decisione e operare affinchè sia pienamente applicata anche all’interno del nostro paese, senza ulteriori limitazioni o divieti rispetto a quanto verrà comunicato dalla Commissione Europea».




Confagricoltura Mantova, Glifosate, Lasagna Matteo Presidente Confagricoltura Mantova, Unione europea



precedente: Under 40, a fine anno scade il bando per i finanziamenti
successivo: Bilancio annata agraria 2017


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]