COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Cereali autunno-vernini, annata produttiva eccezionale
News e comunicati ^
 
26 Luglio 2017


I cereali autunno-vernini sorprendono tutti. Nonostante un'annata caratterizzata da una pesante siccità e da devastanti gelate nel periodo primaverile infatti, frumento e orzo hanno fornito risultati produttivi ben al di sopra della media, come confermato dai dati forniti da Confagricoltura Mantova. Le rese hanno raggiunto anche i 70-80 quintali per ettaro, nei terreni più umidi, dove è stata effettuata una regolare irrigazione e dove sono stati eseguiti trattamenti antiparassitari e antifungini. Dati leggermente più bassi (ma in ogni caso buoni) invece nei terreni dove le colture sono state seguite meno, con 50-60 quintali per ettaro: “È la dimostrazione che dedicare attenzioni a queste colture è un atteggiamento che ripaga sempre – spiega il presidente di Confagricoltura Mantova Matteo Lasagna – risorse e investimenti tecnologici sono una strada sempre ottima da seguire. Frumento, sia tenero che duro, e orzo non sono colture di secondo piano, possono dare grandi soddisfazioni”. Molto bene anche il grano biologico, che in questo 2017 ha toccato quota 45-50 quintali per ettaro.
 
Anche a livello qualitativo l'annata produttiva 2017 si conferma ottima. Il peso specifico (84-85) e la percentuale proteica (13-14%) rendono il raccolto eccezionale, con i 18.898 ettari di frumento tenero, gli 8.051 di frumento duro e i 4.300 di orzo (Mantova, con circa 30mila ettari complessivi, è la prima provincia in Lombardia per estensioni) che regaleranno gioie ai produttori. A confermarlo sono le quotazioni economiche, che vedono il grano tenero arrivare fino a quota 176,50 euro alla tonnellata, un +11% rispetto al 2016, e il grano duro fino a 224,50 euro alla tonnellata, un +13% rispetto allo scorso anno. In leggero calo solo l'orzo (peso specifico 63-65), che cala del 4% rispetto al 2016 con 148 euro alla tonnellata. “Abbiamo risultati addirittura superiori alle attese – prosegue Lasagna – finalmente viene premiato un settore troppo spesso bistrattato a causa di rese produttive e prezzi troppo bassi. Ci si aspetta un ulteriore rialzo delle quotazioni, perchè la qualità è buona e i molini ne richiedono in gran quantità, con una predilezione per il Made in Italy. Rispetto allo scorso anno la situazione è diametralmente opposta. Nel 2016 abbiamo avuto performance produttive nella norma, ma prezzi in forte calo”.
 
A conferma della grande attenzione che Confagricoltura Mantova dedica al comparto vi è il progetto di filiera del grano mantovano, che è partito quest'anno assieme a Molino Magri e prevede la coltivazione, la raccolta e la trasformazione di grano tenero, varietà Bisanzio, esclusivamente virgiliano: “Crediamo fortemente nella possibilità di avere una filiera che porti alla produzione di pane mantovano. La varietà di grano tenero scelta ha fornito ottimi risultati”.




Cereali, Confagricoltura Mantova, Lasagna Matteo Presidente Confagricoltura Mantova



precedente: Riso, il comparto รจ in profonda crisi
successivo: Aiuti per le scrofe, prorogata al 31 agosto la scadenza per le domande


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]