COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Pac, importanti modifiche per la gestione del greening
News e comunicati ^
 
17 Luglio 2017


Si rende noto che la commissione europea ha lo scorso 30 giugno licenziato un nuovo regolamento europeo (Reg. n. 1155/2017) che introduce importanti modifiche alle norme in vigore per il regime di pagamenti diretti della PAC. In particolare, le novità più significative vengono introdotte per le aree a interesse ecologico (AIE) del greening. In sostanza, fra le varie modifiche si segnalano:

Terreni a riposo per le AIE: è precisato che il periodo di riposo non può essere inferiore a 6 mesi. Oggi, in Italia il periodo di riposo minimo previsto per i terreni oggetto di aree a interesse ecologico è di 5 mesi.
Assenza di produzione: è chiarito che sui terreni a riposo, nelle fasce tampone e sui bordi dei campi utilizzati come AIE è esclusa qualsiasi attività di produzione o allevamento di animali.
Divieto d’uso dei prodotti fitosanitari: è vietato esplicitamente l’uso di prodotti fitosanitari sia nelle colture intercalari che in quelle azotofissatrici dichiarate come AIE. Quindi, sono soggette al divieto anche le specie proteiche coltivate in purezza con finalità produttiva come la soia, il pisello, ecc. Quest’ultimo aspetto, aspramente contrastato da Confagricoltura, purtroppo è passato su pressione di numerose associazioni ambientaliste e non solo e imporrà un drastico cambiamento nelle abitudini degli agricoltori che hanno utilizzato, fino a quest’anno, la soia quale coltura azotofissatrice per le aree a interesse ecologico.

Le nuove norme si applicano dal 1° gennaio 2018 e interesseranno la domanda PAC del prossimo anno.
 



Greening, PSR 2014 - 2020



precedente: Carne bovina, primo incontro fra produttori mantovani e bresciani di Confagricoltura
successivo: Al via la XVI edizione del “premio de@ terra”, dedicato al mondo rurale femminile


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]