COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Il "Food&Science Festival" è un successo: in 16.000 a Mantova
News e comunicati ^
 
12 Maggio 2017


Le autorità sul palco del Bibiena
Le autorità sul palco del Bibiena
Se l’organizzazione del “Food&Science Festival” era, all’inizio, una grande scommessa, a rassegna chiusa si può dire con assoluta certezza che la scommessa è stata pienamente vinta. La prima edizione della manifestazione dedicata all’indissolubile rapporto tra scienza e cibo, con oltre duecento eventi tra conferenze, seminari, workshop, laboratori, spettacoli e degustazioni, è stata un successo, con circa 16mila presenze alla tre giorni organizzata da Confagricoltura Mantova, con l’aiuto del gruppo scientifico torinese Frame, che si è occupato della scelta dei relatori e ha curato il programma. «È nato un nuovo festival a Mantova» ha detto il sindaco Mattia Palazzi nel corso della grande festa di chiusura della rassegna, un festival che Confagricoltura Mantova vuole arricchire e far crescere sempre di più, anno dopo anno: «Raramente una prima edizione riscuote così tanto successo – ha detto il presidente Matteo Lasagna – e sono felicissimo dei numeri registrati. Il Festival ha funzionato alla grande, confermando che gli argomenti proposti al pubblico erano attuali e di grande richiamo. Un ringraziamento speciale va ai nostri sponsor, senza i quali l’organizzazione non sarebbe stata possibile, all’amministrazione comunale, che ha scommesso con noi su questa manifestazione, e naturalmente a tutti i dipendenti di Confagricoltura Mantova e i collaboratori, che sono stati preziosissimi nei tre giorni di rassegna». Ma quali sono state le ragioni che hanno portato all’organizzazione di una manifestazione di questo tipo? «La fame – ha detto ancora Lasagna – la fame di poter aggredire mercati che non rispondono più alle logiche degli imprenditori agricoli, in un paese un po’ troppo fermo. Per questo abbiamo deciso di proporci con un Festival che raccontasse chi siamo e ciò che quotidianamente facciamo per produrre colazioni, pranzi e cene per milioni di italiani. Non abbiamo naturalmente la presunzione di accendere una luce nel buio e rappresentare la verità assoluta, vogliamo soltanto raccontare, accompagnati da chi ha accettato il nostro invito e lo accetterà nei prossimi anni, quello che la scienza e l’agricoltura rappresentano oggi, un qualcosa di estremamente diverso da ciò che troppo spesso si legge sui quotidiani o si vede in televisione».

All’evento di inaugurazione, al teatro scientifico Bibiena, ha preso parte anche il presidente nazionale di Confagricoltura Massimiliano Giansanti: «Bisogna innanzitutto fare i complimenti a Matteo Lasagna – ha detto sul palco del Bibiena – per la manifestazione che ha organizzato e che ci permette una divulgazione precisa e puntuale su quelli che sono aspetti fondamentali del settore agricolo. Mi chiedono spesso cosa fare per rappresentare al meglio il nostro mondo di fronte alle istituzioni. Io non devo rappresentare nulla, sappiamo benissimo cosa fare. Da sempre i nostri imprenditori si svegliano e sanno cosa fare per produrre al meglio. Ma oggi ci troviamo a fare i conti con un sistema Italia che soffre di competitività e nel quale ognuno deve fare la sua parte. Il tempo delle polemiche deve finire, dobbiamo lavorare assieme per rendere più competitivo il nostro sistema paese, questo sarà il mantra per il mio triennio di presidenza. Confagricoltura continuerà a chiedere che le imprese siano più libere di penetrare sui mercati. Cosa serve? Infrastrutture, oggi spesso obsolete, minor burocrazia e un’ottica che sia finalmente di sistema. Oggi ci sono stati che corrono molto più di noi, non possiamo permetterci di perdere altro tempo». Lo spunto è stato raccolto dal ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina, che ha espresso il punto di vista del governo su questi temi: «Siamo inseriti in un modello europeo – ha spiegato al pubblico – e con lo sforzo di tutte le nostre imprese cerchiamo una nostra via di sviluppo. In questi anni abbiamo centrato obiettivi importanti, ma le cose da fare sono ancora tante. I temi affrontati al “Food&Science Festival” sono fondamentali, abbiamo bisogno che scienza e agricoltura dialoghino costantemente, nel nome dell’innovazione. In questo senso siamo nella prima fase applicativa di un importante progetto dedicato alla cisgenica da venti milioni di euro. il tema merita grande attenzione e l’Italia deve dare una mano a preparare questa nuova stagione. Il Paese soffre di competitività? Dobbiamo tenere il passo, è logico, ma non siamo all’anno zero. A livello europeo siamo alla guida di importanti progetti, abbiamo diverse leadership da sostenere e confermare».

Mantova si è confermata location ideale per una manifestazione di questo tipo. Il motivo lo spiega chiaramente l’assessore all’agricoltura della Lombardia Gianni Fava: «Mantova rappresenta un’eccellenza in Lombardia per quanto riguarda il settore agroalimentare, la punta più avanzata sotto l’aspetto della modernità, la provincia più premiata e organizzata, quella con le filiere meglio concepite. Ha sempre investito e credo si possa dire, senza timore di essere smentiti, che Mantova è la capitale europea dell’agricoltura». Sullo stesso piano anche il sindaco Mattia Palazzi: «Portare il dibattito scientifico di alto livello a contatto diretto con i cittadini si è rivelata una scommessa vincente. In un’epoca contrassegnata dal pressappochismo e dall’approssimazione, oltre che dalle bufale, riuscire ad affrontare temi così complessi con un linguaggio accessibile a tutti è un qualcosa di straordinario, un vero e proprio servizio che si fa alla comunità. Mantova è capitale dell’agricoltura, e a questo è legata anche la valorizzazione e l’identità del nostro territorio. Grazie a Confagricoltura per aver ideato questo Festival». 




Funzionari e Personale di Confagricoltura Mantova, Giovanni Fava Assessore regionale all'Agricoltura, Lasagna Matteo Presidente Confagricoltura Mantova, Ministro dell'Agricoltura



precedente: "Food&Science Festival": il racconto degli eventi principali
successivo: Prezzi rilevati in Borsa Merci del 11-05-2017


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]