COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Aviaria: ecco il nuovo piano di sorveglianza nazionale
News e comunicati ^
 
20 Febbraio 2017


Veterinari al lavoro in un allevamento
Veterinari al lavoro in un allevamento
È stato presentato ufficialmente, da parte del Ministero della salute, il nuovo piano per la sorveglianza dell’influenza aviaria, valido su tutto il territorio nazionale per l’annata 2017 e da portare a termine entro e non oltre il 31 dicembre. Il Ministero ha suddiviso i territori in base a diversi criteri, con la provincia di Mantova inclusa tra quelle da sottoporre a monitoraggio con frequenza elevata, alla luce anche dei recenti episodi, tra cui l’ultimo in ordine di tempo è l’individuazione di un ceppo del sottotipo H5N8 in un allevamento di tacchini a Monzambano, pochi giorni fa, che si aggiunge ad un altro allevamento colpito in provincia di Verona. Nell’azienda mantovana è stato subito disposto l’abbattimento dei 14mila volatili contagiati, oltre all’istituzione di una zona di protezione dal raggio di tre chilometri e di una zona di sorveglianza da dieci chilometri di raggio.

Il metodo di sorveglianza da attuare nel 2017 è stato definito in base al rischio, tenendo in considerazione fattori come l’ubicazione delle aziende avicole in zone ad alta densità di volatili selvatici migratori, la presenza di aree ad alta densità di aziende avicole, le caratteristiche strutturali e gestionali del sistema produttivo avicolo, la situazione epidemiologica presente e pregressa, il flusso e tipologia di scambi commerciali, la tipologia produttiva e le misure di biosicurezza degli allevamenti commerciali di specie a rischio e la presenza di aziende avicole free-range in cui il pollame può entrare in contatto con i volatili selvatici (assenza di barriere o barriere non funzionali). Nel programma saranno incluse galline ovaiole, polli riproduttori, tacchini da ingrasso, tacchini riproduttori, quaglie riproduttori, faraone riproduttori, anatre da ingrasso, anatre riproduttori, oche da ingrasso, oche riproduttori, selvaggina da penna (sia riproduttori che adulti) e ratiti. Le altre province interessate da monitoraggio a frequenza elevata sono in Emilia Romagna (Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena e Ravenna), Lombardia (Bergamo, Brescia, Cremona e Milano), Piemonte (Asti, Cuneo, Torino e Vercelli) e Veneto (tutto il territorio regionale esclusa la provincia di Belluno).

Nelle zone identificate a maggior rischio, inclusa dunque la nostra provincia, le specie indicate verranno campionate a frequenza fissa. Per i tacchini da carne ci sarà prelievo prelievo sierologico da 5 animali per unità produttiva con un numero minimo di 10 animali per azienda fino ad un massimo di 20, per ciclo produttivo e preferibilmente prima del carico verso il macello. Per le quaglie riproduttori previsto il prelievo virologico in allevamento di almeno 20 animali con cadenza semestrale. Per anatre e oche da ingrasso e da riproduzione prelievo con cadenza semestrale per esame virologico da 5 animali per unità riproduttiva (minimo 10 animali, massimo 20). Nel caso di aziende con un unico capannone, la numerosità dei campioni è pari a 10. Per gli allevamenti da riproduzione (tranne anatre, oche e quaglie) e di ovaiole per la produzione di uova da consumo obbligatorio il prelievo di campioni di sangue da 5 animali per unità produttiva (minimo 10 animali per azienda, massimo 20) con cadenza semestrale. Per gli altri volatili da carne prelievo sierologico di almeno 10 animali per allevamento una sola volta all’anno. Per la selvaggina prelievo di 5 campioni di sangue per voliera con cadenza semestrale.   

Mantova è inserita anche nelle aree di svernamento del germano reale, quelle maggiormente coinvolte nelle epidemie italiane di Lpai e Hpai. Gli allevamenti free-range di tipo rurale dunque verranno campionati a cadenza semestrale per prevenire introduzioni virali. Mantova è tra le prime province italiane per consistenza di allevamenti avicoli, di allevamenti di tacchini da carne, di allevamenti di galline ovaiole e di allevamenti di anatre da carne. 




Avicoli, Confagricoltura Mantova, Influenza aviaria, Malattia



precedente: Zootecnia, in arrivo 40 milioni di euro di aiuti
successivo: Prezzi rilevati in Borsa Merci.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]