COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Pioggia e neve non bastano: resta alta l'allerta siccità
News e comunicati ^
 
13 Febbraio 2017


Pioggia e neve sono cadute sulle regioni settentrionali, ma non abbastanza per far uscire il nord Italia dall’allerta siccità, che sta già allarmando gli agricoltori della provincia di Mantova. A certificarlo è l’ultimo bollettino emesso da Arpa Lombardia (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente), che evidenzia come la situazione sia sì migliorata rispetto a poche settimane fa, ma come al tempo stesso i dati di riferimento sulle riserve idriche siano ancora drammaticamente inferiori rispetto alla media del periodo.

Le riserve totali, ad oggi, ammontano a 920,2 milioni di metri cubi, un dato più basso del 53,3% rispetto alla media del periodo negli anni che vanno dal 2006 al 2015, quando si attestavano su quasi due miliardi di metri cubi (1.969.500 la cifra esatta). Di questi 920,2 milioni, 497,3 provengono dal manto nevoso, che è più che raddoppiato rispetto alla rilevazione precedente (238,4 milioni al 29 gennaio) ma che è in ogni caso inferiore del 64,9% rispetto alla media del periodo (1.416.200 metri cubi). I restanti 422,9 milioni di metri cubi arrivano dai laghi (Como, Idro, Garda e Iseo), che crescono rispetto ai 413,3 milioni del precedente bollettino ma che, rispetto alle medie stagionali (553,4 milioni) perdono il 23,6%: «La situazione è ancora difficile – dichiara il presidente di Confagricoltura Mantova Matteo Lasagna – pioggia e neve sono arrivate, è vero, ma non in quantità sufficiente per far rientrare parzialmente l’allerta. Le previsioni per i prossimi giorni inoltre non sono incoraggianti, dato che non sono previste precipitazioni almeno fino alla fine del mese, con punte in cui verranno toccate anche temperature primaverili, con il rischio dunque che la poca neve presente si sciolga anzitempo». Va segnalato che il Tavolo per il monitoraggio delle riserve idriche, convocato straordinariamente dalla Regione Lombardia per lo scorso 7 febbraio, è stato rinviato a martedì 21 febbraio, per permettere una raccolta dati più aggiornata dopo le precipitazioni dei giorni scorsi.

Ciò che inoltre preoccupa gli agricoltori è il raffronto con l’ultimo anno considerato “critico”, il 2007, nel quale, a febbraio, le riserve totali ammontavano a 852,2 milioni di metri cubi. I 920,2 milioni di metri cubi attuali dunque rappresentano un misero +8% rispetto a dieci anni fa.




Confagricoltura Mantova, Regione Lombardia



precedente: Il 2016 delle imprese chiude in negativo. Settore primario in affanno: perse 49 aziende
successivo: Nasce il Consorzio di garanzia del suino italiano


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]