COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Lsd: prorogate al 31 ottobre le misure anti contagio
News e comunicati ^
 
30 Settembre 2016


Non si placa l’allerta per la Lumpy Skin Desease (Lsd), la dermatite nodulare che colpisce bovini e bufalini e che sta avendo notevole diffusione in Europa, in paesi come Bulgaria, Grecia, Macedonia, Kossovo, Serbia, Montenegro e Albania. Per contrastare la diffusione del virus e scongiurarne l’arrivo entro i confini nazionali, il Ministero della salute ha prorogato fino al 31 ottobre 2016 le misure fin qui adottate ai fini di evitare il contagio dei capi presenti nei confini nazionali. Il precedente limite era il 30 settembre 2016.

La macchina di prevenzione messa in moto dal Ministero riguarda i paesi confinanti con quelli infetti, vale a dire Romania, Ungheria, Slovenia e Croazia, monitorati attentamente per scongiurare focolai di Lsd. Per i capi importati da tali paesi dunque è necessario innanzitutto notificare l’importazione con 48 ore di anticipo dall’arrivo delle partite e mantenerli in quarantena per dieci giorni, con divieto di movimentazione presso i luoghi di prima destinazione. In tale periodo devono essere applicate misure di biosicurezza con insetticidi e insetto-repellenti. Successivamente scatta l’obbligo di visita e test PCR, ripetuto poi dopo sette giorni dall’arrivo, e l’obbligo di macellazione dei capi da macello entro le 24 ore dall’arrivo all’impianto di macellazione.




Bovini da carne , Malattia



precedente: Rifiuti agricoli: in arrivo nuove norme burocratiche
successivo: Cina: rimosso il blocco delle importazioni per la carne suina italiana


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]