COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Premi accoppiati Pac, novità per i settori zootecnici.
News e comunicati ^
 
08 Agosto 2016


La conferenza Stato - Regioni ha approvato nei giorni scorsi il nuovo piano dei pagamenti accoppiati della riforma della PAC, valevole per il 2017 e per gli anni successivi. A partire dal 2017, la percentuale del plafond per i pagamenti accoppiati salirà dall’attuale 11% al 12%. Ne conseguirà una maggiore disponibilità di circa 38 milioni di euro per anno, che verranno assegnati ai settori: latte bovino, carne bovina e frumento duro.

- Latte bovino: è previsto un aumento del budget disponibile di 14 milioni di euro (12,5 milioni per il massimale di base e 1,5 per il massimale dei premi montagna). I pagamenti verranno assegnati in futuro secondo criteri di qualità e non prevedendo, come era stato proposto, l’introduzione del criterio dell’iscrizione ai registri anagrafici e libri genealogici. I criteri di qualità sono stati precisati come segue.
- Tenore di cellule somatiche per ml inferiore a 300 mila.
- Tenore di carica batterica a 30° C per ml inferiore a 40 mila.
- Contenuto di proteina superiore a 3,35 g/100ml.
Nel caso almeno due parametri siano in regola, il terzo dovrà comunque rispettare i seguenti limiti.
- Tenore di cellule somatiche per ml inferiore a 400 mila.
- Tenore di carica batterica a 30° C per ml inferiore a 100 mila.
- Contenuto di proteina superiore a 3,2 g/100ml.
Inoltre, per il latte degli allevamenti in montagna e per gli allevamenti inseriti in circuiti produttivi di formaggi DOP/IGP è sufficiente rispettare solo uno dei parametri tra quelli indicati, “fatti salvi i parametri di legge”.
Degno di nota il nuovo indicatore, in g/ml, per la determinazione del tenore proteico del latte e non più quindi in peso su peso.

- Carne bovina: è stato previsto un aumento del massimale di 16 milioni di euro, di cui circa 8 milioni in più sul massimale delle vacche nutrici non iscritte ai libri genealogici ed ai registri anagrafici ed altrettanti sul massimale per i “vitelloni di qualità” (SQN, etichettatura volontaria). Non è stato varato invece il nuovo premio proposto dal Mipaaf per i vitelli a carne bianca.

- Grano duro (solo per il sud Italia): le regole rimangono immutate ma il massimale del settore viene aumentato di circa 8 milioni di euro.

Le novità apportate al quadro dei pagamenti accoppiati non riguarderanno invece gli altri comparti produttivi, che continuano a godere dei medesimi importi di budget e delle medesime regole.

Una prima elaborazione effettuata da Confagricoltura, puramente stimativa, porterebbe ad aumentare i premi per il settore latte a 99,5 euro/capo (86,2 euro/capo nel 2015) e quello dei bovini da carne etichettati a 75,9 euro/capo (68,4 euro/capo sempre nel 2015). Ovviamente, l’importo esatto dipenderà dal numero di capi che avranno diritto al premio.




Confagricoltura Mantova, PAC 2014 - 2020



precedente: Sisma 2012, prorogato al 30 aprile 2018 il termine dei lavori di ricostruzione.
successivo: Approvato il ddl sugli enti locali: importanti novità per il mondo agricolo.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]