COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Pomodoro da industria, superfici ridotte del 10%. Ferrari: Ā«Decisione invevitabileĀ».
News e comunicati ^
 
22 Marzo 2016


Saranno ridotte del 10%, rispetto agli impegni previsti, le superfici destinate al pomodoro da industria, bloccando le semine in vivaio a partire dalla 19esima settimana. «È questa – spiega Corrado Ferrari, presidente della sezione Pomodoro da industria di Confagricoltura Mantova – la decisione presa al Tavolo agricolo del settore, costituito da tutte le organizzazioni di produttori del Nord Italia, per riportare la trattativa su basi più adeguate e riequilibrare l'offerta». La proposta attuale, di 77 euro/tonnellata, circa 17 euro in meno rispetto al 2015, non è risultata accettabile perché «ben al di sotto dei costi di produzione», come più volte sottolineato da Confagricoltura. Il prezzo, naturalmente, avrebbe già dovuto essere definito, così come avvenuto negli anni scorsi, per consentire una corretta programmazione colturale e di investimenti.

«Considerato lo stallo della trattativa e il contesto preoccupante in cui versa il comparto  – ha aggiunto Ferrari – è stata presa la decisione più consona, finalmente le organizzazioni dei produttori hanno fatto il loro lavoro.  L’auspicio è che si possa arrivare il prima possibile a un accordo in grado di valorizzare il nostro prodotto e rispondente alle condizioni di mercato. Ora non resta che aspettare il parere dell’industria». 




Confagricoltura Mantova, Ferrari Corrado, Pomodoro da industria



precedente: Avicoltori lombardi dimenticati da Pac e Psr. Confagricoltura chiede giustizia.
successivo: Latte, moratoria di trenta mesi per salvare il settore.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]