COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Pac, i diritti definitivi non saranno noti prima del 31 marzo. E Confagricoltura bacchetta Agea.
News e comunicati ^
 
11 Febbraio 2016


31 marzo 2016. È la data individuata da Agea per stabilire una volta per tutte i diritti ai contributi Pac e la loro pubblicazione sul registro titoli. Non un giorno di anticipo, insomma, rispetto a quanto richiesto all’organismo pagatore dall’Ue. Troppe impellenze. Questa, in sostanza, la motivazione fornita da Agea che, tramite una circolare, ha precisato che «sono in corso di definizione i processi amministrativi e tecnici propedeutici alla elaborazione dei diritti definitivi all’aiuto della nuova Pac e all’erogazione dei saldi».

«La stringente programmazione e pianificazione è evidentemente finalizzata al comune obiettivo di condurre l’intero sistema nazionale alla definizione, nei tempi fissati dalla norma primaria, del quadro Pac e dei conseguenti sviluppi finanziari a sostegno dell’intero comparto agricolo», si legge nella circolare diffusa da Agea con tanto di cronoprogramma:
22 febbraio 2016 - chiusura ricognizione preventiva. Per consentire il trattamento delle istruttorie di ricognizione preventiva da parte del registro titoli, è consentita la loro gestione fino al 21  febbraio 2016;
26 febbraio - acquisizione dei dati da parte degli organismi pagatori. Si tratta del termine entro il quale dovranno pervenire dagli organismi pagatori le forniture consolidate;
4 marzo 2016 – verifica dei dati immessi nel SIAN. Entro il 4 marzo verranno forniti agli organismi pagatori gli elenchi relativi alla elaborazioni effettuate e immesse nel registro dei titoli per le attività di verifica e validazione;
14 marzo 2016 – comunicazione da parte degli organismi pagatori dell’esito delle verifiche. Entro questa data occorre che gli organismi stessi confermino i dati comunicati o procedano, in caso di errori, a un nuovo invio integralmente sostitutivo del precedente;
21 marzo 2016 – avvio delle procedure di elaborazione dei diritti definitivi (ordinari e da riserva);
23 marzo 2016 – espletamento delle verifiche conseguenti;
31 marzo 2106 – determinazione dei diritti definitivi all’aiuto e pubblicazione dei medesimi nel registro titoli.

«Quella di Agea è una tempistica che proprio non ci soddisfa – ha commentato Matteo Lasagna, presidente di Confagricoltura Mantova - Avevamo chiesto rapidità per dare certezze ai produttori che hanno bisogno di saper al più presto quanto percepiranno, soprattutto per permettere loro di dare il via alla compravendita e all’affitto dei titoli in anticipo rispetto alla presentazione della prossima domanda Pac, che scadrà il 15 maggio. Spiace constatare che Agea, per l’ennesima volta, se la prende troppo comoda».     




Agea, Confagricoltura Mantova, Lasagna Matteo Presidente Confagricoltura Mantova, PAC 2014 - 2020



precedente: L' Agricoltura Mantovana n° 3 del 15 febbraio 2016
successivo: Prezzi rilevati in Borsa Merci.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]