COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Divieto invernale di distribuzione effluenti zootecnici, approvato il decreto regionale
News e comunicati ^
 
28 Ottobre 2015


Con decreto n. 8921 del 27 ottobre 2015, la D.G. Agricoltura della Regione Lombardia ha stabilito i periodi di divieto per il periodo invernale di spandimento degli effluenti di allevamento e dei fertilizzanti azotati.  Ecco di seguito quanto stabilito dalla Regione.

Zone vulnerabili ai nitrati.
a) dal 6 novembre 2015 compreso al 3 febbraio 2016 compreso per il letame e materiale assimilato (diversi dalle casistiche previste alla successiva lettera b)), i liquami, i fanghi, i fertilizzanti azotati diversi dagli effluenti di allevamento e le acque reflue utilizzati in terreni con prati, cereali autunno vernini, colture ortive, arboree con inerbimenti permanenti o con residui colturali ed in preparazione della semina primaverile anticipata;
b) dal 15 dicembre 2015 compreso al 15 gennaio 2016 compreso, per il letame proveniente da allevamenti di bovini, bufalini, ovi-caprini ed equidi con contenuto di sostanza secca pari ad almeno 20% utilizzato su prati permanenti e/o avvicendati;
c) dal 1° novembre 2015 compreso a fine febbraio 2016, per le deiezioni degli avicunicoli essiccate con processo rapido a tenori di sostanza secca superiori al 65%;
d) dal 1° novembre 2015 al 3 febbraio 2016 per le aziende che hanno aderito alla deroga nitrati nel corso del 2015.

Zone non vulnerabili ai nitrati.
a) dal 6 novembre 2015 compreso al 3 febbraio 2016 compreso per il letame e materiale assimilato (diversi dalle casistiche previste alla successiva lettera b)), i liquami, i fanghi, i fertilizzanti azotati diversi dagli effluenti di allevamento e le acque reflue utilizzati in terreni con prati, cereali autunno vernini, colture ortive, arboree con inerbimenti permanenti o con residui colturali ed in preparazione della semina primaverile anticipata;
b) dal 15 dicembre 2015 compreso al 15 gennaio 2016 compreso, per il letame proveniente da allevamenti di bovini, bufalini, ovi-caprini ed equidi con contenuto di sostanza secca pari ad almeno 20% utilizzato su prati permanenti e/o avvicendati.

Si ricorda che nei periodi ammessi, la distribuzione degli effluenti di allevamento e dei fertilizzanti azotati è ammessa solo in assenza di avverse condizioni meteorologiche e agronomiche, come terreni allagati, innevati e gelati.




Confagricoltura Mantova, Direttiva nitrati, Regione Lombardia



precedente: Prezzi rilevati in Borsa Merci.
successivo: Divieto invernale di spandimento reflui, stop dal 5 novembre.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]