COSTRUIAMO
UN FUTURO
FERTILE



A A A

Confagricoltura protagonista a Expo per presentare al mondo la sua idea di agricoltura.
News e comunicati ^
 
29 Aprile 2015


Confagricoltura parteciperà ad Expo per presentare e far conoscere al mondo il suo modello di agricoltura e portare un contributo concreto al grande tema dell’esposizione: “Nutrire il Pianeta. Energia per la vita”. Saremo a Palazzo Italia, dove mostreremo ai visitatori le nostre eccellenze con una serie di filmati che ingrandiscono, oltre la capacità della vista umana, i prodotti della terra e li trasformano in vere e proprie opere d’arte, create abilmente dalle mani degli agricoltori. Immagini che andranno a occupare una parete dell’Edicola - Mercati, il grande cubo posto al centro del cortile di Palazzo Italia.
Molte le attività in programma a disposizione delle imprese associate, che potranno utilizzare la vetrina di Expo per rafforzare il loro posizionamento strategico, consolidare e sviluppare l’attività di internazionalizzazione. Senza tralasciare la promozione del territorio, attraverso la proposta ai visitatori di pacchetti turistici ed eno-gastronomici e la valorizzazione del made in Italy, con eventi  che legano il settore primario agli altri che fanno grande il nostro Paese, dalla moda al design, dall’arte alla cultura.

All’interno di Expo, Confagricoltura organizzerà sei eventi nell’Auditorium: già stabiliti il 29 maggio l’assemblea di Confagricoltura e il forum di Agriturist; il 16 luglio il convegno sulle biotecnologie e quello dei Giovani di Confagricoltura. Le altre date sono in via di definizione, l’obiettivo sarà quello di stimolare il dibattito a livello internazionale sui grandi temi di Expo. Per due settimane, poi, nel Cardo nord-ovest, avremo a disposizione uno spazio espositivo che racconterà  e mostrerà al pubblico storie di eccellenza del comparto.

Fuori Expo, occuperemo uno spazio nel centro di Milano (dal 1° aprile al 31 marzo 2016): la Vigna di Leonardo, location di particolare suggestione, legata al grande genio di Leonardo da Vinci. È in questa casa, oggi di proprietà della famiglia Atellani, che Leonardo custodiva la sua preziosa vigna, che gli era stata regalata da Ludovico il Moro. La vigna, rimasta integra fino al Novecento e poi distrutta durante la I guerra mondiale, è stata riportata in vita grazie alla Fondazione Portaluppi, a una task force di studiosi guidati da Attilio Scienza e Luca Maroni e a un progetto sostenuto dal Comune di Milano e da Confagricoltura. Il Palazzo degli Atellani e il suo giardino saranno la casa di Confagricoltura fuori da Expo. Qui si terranno visite, incontri B2B (sono già in programma incoming nei settori vitivinicolo, florovivaistico ed agroalimentare), convegni, serate a tema, degustazioni. Avremo a disposizione, all’interno della caffetteria, uno spazio per l’esposizione e la vendita dei prodotti delle aziende associate.

Confagricoltura ha inoltre firmato un protocollo d’intesa con il Parco tecnologico padano, polo di eccellenza per l’innovazione nell’agroalimentare, che opera in stretto contatto con Università, centri di ricerca, enti di controllo e imprese. Nella sua sede, a pochi chilometri dall’esposizione, si organizzeranno seminari sulle varie filiere, si studieranno le tendenze dei mercati internazionali, si potranno organizzare visite e prove in campo con il coinvolgimento delle aziende.
 




Confagricoltura Mantova, Eventi, Expo 2015



precedente: Prezzi rilevati in Borsa Merci.
successivo: Produzioni latte, +2,68% rispetto all’anno scorso.


Internet partner: Omega-Net
[www.omeganet.it]

Art direction by: Fachiro Strategic Design
[www.fachiro.com]